Tirana Call Center

Tirana Call Center è il tuo partner ideale in Albania

Fondata nell'Ottobre del 2010, la nostra missione è quella di agevolare l'esternalizzazione delle attività di call center da Italia a Albania. Siamo impegnati a una collaborazione a lungo termine e il nostri obiettivi sono di essere il migliore fornitore di servizi di call center in Albania, non solo in termini di risultati ma anche in termini di costruzione di una sana e leale forza di lavoro.

Partner Call Center a Tirana
Cooperazione Call Center in Albania

Fruttuosa Cooperazione

Collaborazione Call Center in Albania

Collaborazione a Lungo Termine

Solido Partner di Call Center

Trasparenza delle Operazioni

Call Center Risultativo in Albania

Risultati Tangibili

Call Center in Albania Notizie

Maggio ‘11

Dovuto al fatto che i nostri partner precedenti hanno lasciato l'Albania, stiamo cercando nuovi partner in Italia. Offriamo tre modi di cooperazione; 1 - Franchising, 2 - Affitto, 3 - Vendita dell attivita

Decembre ‘10

Il nostro call center chiude l'anno con ottimi risultati sia per TeleTu anche per Fastweb, considerando il breve tempo che siamo stati in esecuzione di tali campagne

Decembre ‘10

Delegati TeleTu hanno visitato il nostro call center per un possibile mandato inbound e hanno lasciato l'ufficio con ottime impressioni

Ottobre ‘10

Tirana Call Center apre le porte a un tempo record e offre eccellente stipendio e condizioni di lavoro, attirando così i migliori operatori del mercato

Tredicimila i posti a rischio nei call center in outsourcing - "Il motivo del trasloco oltre frontiera è semplice – ha affermato Alessandro Genovesi, segretario nazionale Slc-Cgil - Il costo complessivo orario lordo per un lavoratore italiano è di 17 euro. Per un albanese varia dai 3 ai 4 euro e mezzo. Di piu....
Il Terzo rapporto sull'occupazione nei call center in outsourcing pubblicati da SLC-CGIL, il principale sindacato del settore, prevede che molto piu lavoro di call center andra in outsourcing. Temendo questo fatto i sindacalisti chiedono dall Governo di aprire un tavolo ufficiale per costruire proposte in grado di salvare gli oltre 12 mila posti di lavoro a rischio. Ormai l'esternalizzazione e un fatto di vita che nessun imprenditore non puo transcurare. Di piu....
Trovato su "http://www.slc.cgil.it/Accordreti/2010/Terzo%20rapporto%20SLC%20sull%27occupazione%20nei%20call%20center%20in%20out%20sourcing%20-%20ottobre%202010".
I Call-Center in Italia sono oggi circa 2.000 e impiegano 100.000 lavoratori. Gli spot televisivi descrivono i Call Centers come luogo di un lavoro paradisiaco, mentre chi ha cognizione di ciò evidenzia che tali luoghi sono spesso fonte di stress, spingendosi finanche a definirli le nuove miniere del 2000. Il seguente articolo descrive le fonti di stress in un call center e fornisce le procedure per ridurlo. Di piu....
Trovato su "http://www.slc.cgil.it/AccordServ/relazione poste CallCenter.pdf".
Dumping, outsourcing ed esternalizzazioni. Sono queste le tre parole chiave che meglio descrivono la crisi del settore e sulle quali si sono soffermate molte delle riflessioni emerse durante l'assemblea nazionale dei quadri e delegati call center della SLC CGIL, che si è svolta lunedì 28 giugno 2010 a Roma presso la sede Nazionale della CGIL. Al centro delle proposte un 'patto tra Governo e produttori per il rilancio dei call center'. Di piu....
Trovato su "http://www.cgil.it/DettaglioDocumento.aspx?ID=14152".
Il settore dell call center, come denuncia il Sindacato Lavoratori della Comunicazione della CGIL, risente fortemente della crisi generale che sta attraversando il Paese, ma soffre in particolare di alcuni fenomeni come: le gare al massimo ribasso, possibili grazie al rapporto squilibrato tra le grandi aziende committenti e i call center in outsourcing; il venir meno di alcuni incentivi fiscali e previdenziali, ma anche "l'assenza di una politica industriale per l'intera filiera delle telecomunicazioni". Di piu....
Trovato su "http://www.cgil.it/DettaglioDocumento.aspx?ID=14810".
Il Segretario Generale della SLC CGIL, Emilio Miceli in un'intervista alla CGILtv, sottolinea l'importanza di difendere e riconiugare, nel settore dei call center, 'diritti e occupazione' poiché spiega "questo è un mondo nel quale, a differenza di qualche anno fa, la crescita si è fermata i diritti rischiano di essere messi in discussione" e al tempo stesso "l'occupazione è fortemente minacciata". Miceli fa notare come il lavoro nel call center per molto tempo sia stato vissuto come un 'non lavoro', mentre oggi si presenta con come un lavoro strutturato che ha bisogno di conquistare una propria 'stabilità'. Di piu....
Trovato su "http://www.cgil.it/DettaglioDocumento.aspx?ID=15746".
Che le aziende necessitino di infrastrutture di supporto alla customer care è ormai un fatto conclamato sia nel caso che si parli di supporto It di primo o di secondo livello, sia nel caso si tratti di attività di gestione del front-end come, ad esempio, attività di relazione con la clientela o azioni di televendita. La possibilità di appoggiarsi a strutture delocalizzate che offrono le stesse performance a costi più bassi è entrata a far parte di moltissime strategie aziendali. Quello che si conosce meno è il punto di vista delle società che decidono di investire nei contact center, proponendo infrastrutture di servizio in Paesi considerati emergenti. Di piu....
Trovato su "http://outsourcing.thebizloft.com/content/crescono-i-call-center-albania-e-romania".
Globalizzazione e delocalizzazione sono i due poli attraverso cui si stanno muovendo le strategie aziendali. Il business si evolve, i capitali si muovono e il commercio crea nuove industrie ad alta intensità di lavoro attraverso la frammentazione della produzione. Offshoring, outsourcing, nearshoring, software as a services stanno spostando i baricentri organizzativi modificando logiche ed approcci secondo diverse economie di scala. Analizzare questi fenomeni aiuta a capire quali sono i limiti e le reali opportunità. Di piu....
Trovato su "http://outsourcing.thebizloft.com/content/litalia-privilegiata-nellinshoring".
Il mercato del lavoro low-cost colpisce anche i grandi gestori telefonici: le grandi aziende chiudono in Italia e aprono all'estero. La pratica di delocalizzazione è sempre più aperta ed evidente e riguarda tutte le attività svolte fino ad oggi dai call center locali: dal telemarketing alle pratiche amministrative, dai contratti commerciali ai contatti con i clienti. Di piu....
Trovato su "http://outsourcing.thebizloft.com/content/call-center-la-chiamata-vien-dallestero".